Le fatture elettroniche ricevute dal 1 gennaio 2019, non avranno valore legale se stampate e conservate su carta. I sistemi di conservazione digitale devono rispettare le regole tecniche secondo le disposizioni DMEF 17/06/2014 e DPCM 03/12/2013 per far si che le fatture elettroniche abbiano lo stesso valore legale di una fattura cartacea con notevoli vantaggi di costo, spazio e tempo. La fattura elettronica, conservata con firma digitale e bollo virtuale, può essere conservata nel tempo in quanto non deteriorabile e facilmente rintracciabile grazie all'archivio elettronico. 

 

Inoltre i processi manuali di archiviazione generano oramai costi sempre crescenti. Con l’installazione di software per la gestione elettronica della documentazione si riducono i volumi di carta e la ricerca dei documenti è più veloce. Si contribuisce così ad incrementare la produttività e la sicurezza dei lavori. Con la migrazione al digitale si eliminano i processi e gli errori manuali e si archiviano i documenti in fase di scansione per una rapida ricerca negli archivi, che possono essere personalizzati per i vari utenti. I nostri consulenti forniscono tutte le informazioni a riguardo, presentando i vari sistemi di archiviazione in maniera chiara e semplice.

 

 Chiamaci per una consulenza gratuita