LA POVERA TASTIERA DEL COMPUTER

Ci sono dei posti in ufficio che hanno più batteri di quanto abbiate mai pensato. La tastiera del computer o portatile è una di questi. Non date la colpa alla polvere che inevitabilmente si posa tra i tasti perché per quella bastano pochi accorgimenti. In realtà la tastiera attira tutto ciò che fate davanti a lei. Mangiare, bere, tossire, starnutire e toccare, fanno della tastiera un perfetto habitat per i batteri.

Se vi abituate però a pochi piccoli step da fare ogni tanto il pericolo si riduce di parecchio.

Staccate la tastiera e togliete le batterie se le possiede, e poi rigiratela per far uscire briciole o rimasugli di pane, pizza, cornetti, cracker e chissà cos’altro.

La cosa migliore è usare l’aria compressa o spray antipolvere per espellere i vari residui dai punti più inaccessibili.

Per pulire l’unto sui tasti è sufficiente usare un cotton fioc imbevuto con alcool

Tenete sempre a portata di mano sia lo spray antipolvere che un panno per asciugare. Se si effettua una piccola pulizia una volta a settimana darete del filo da torcere ai batteri.

Diverso il discorso se sono dei liquidi a cadere sulla vostra tastiera. Per ogni tipo di materiale liquido versato è la tempestività ad essere importante. Bisogna spegnere il dispositivo, togliere le batterie nel caso le abbia e rivoltarlo per evitare che il liquido venga a contatto con le parti elettriche del dispositivo. I liquidi che contengono zuccheri (caffè, bevande gassate, vino) sono i più pericolosi, conviene quindi in questi casi rivolgersi ai tecnici specializzati.

Se fosse semplice acqua, dopo aver capovolto la tastiera, dopo aver asciugato il liquido fuoriuscito, usare un phon con aria fredda per asciugare la tastiera.

Inutile dire di evitare di mangiare davanti al computer. E’ una questione di salute sia per voi che per la vostra tastiera.

Leave your comments

Comments

  • No comments found